Gas Refrigeranti

panoramica

Insieme verso la refrigerazione del futuro

Rivoira opera dal 1920 sul mercato italiano con professionalità e competenza. La lunga e consolidata partnership con Chemours™ ha consentito a Rivoira di sviluppare una profonda conoscenza  dell'industria della refrigerazione e del condizionamento. Nell'arco di oltre 70 anni, Rivoira Refrigerants è sempre stata all'avanguardia con le soluzioni tecnologiche più efficienti e con i prodotti a più basso impatto ambientale. Oggi come allora, l'estesa e capillare rete commerciale permette a Rivoira Refrigerants di operare in modo rapido ed efficiente su tutto il territorio italiano, proponendo una gamma completa di prodotti e soluzioni in accordo con le più recenti normative a tutela dell'ambiente.

Breve storia dei gas refrigeranti

I primi gas refrigeranti di sintesi sono stati sviluppati negli anni ‘30 per sostituire fluidi più pericolosi (Ammoniaca Anidra, Anidride Solforosa, Propano ecc.) usati fino ad allora in refrigerazione. Grazie a questa prima generazione di gas fluorurati, chiamati CFC (CloroFluoroCarburi), la tecnologia del freddo si è potuta sviluppare e diffondere in tutto il mondo migliorando tanti aspetti della vita di miliardi di persone.
Negli anni ‘80 sono stati valutati gli effetti delle emissioni di CFC sulla riduzione dell’ozono stratosferico e conseguentemente, con il Protocollo di Montreal del 1987, è stata ridotta la produzione e la vendita di questi gas. I sostituti immediati di seconda generazione sono stati gli HCFC (IdroCloroFluoroCarburi) che hanno lasciato il posto verso metà degli anni ‘90 agli HFC (IdroFluoroCarburi).
Questa terza generazione di gas refrigeranti ha risolto completamente il problema dell’impatto sullo strato di ozono. Negli anni successivi l’attenzione si è concentrata sulla mitigazione del riscaldamento globale e con il Protocollo di Kyoto del 1997 si è cominciato il percorso di controllo delle sostanze ad effetto serra.
Il Regolamento Europeo F-Gas n°517/2014 impone forti limitazioni all’utilizzo di HFC ad alto GWP e promuove nuovi prodotti di quarta generazione con bassissimo effetto serra, gli HFO (IdroFluoroOlefine).


Le sostanze HFO Pure

Gli HFO (HidroFluoroOlefine) sono la 4^ generazione di gas refrigeranti fluorurati e sono attualmente la migliore risposta ad un mercato che chiede prodotti sicuri per gli utilizzatori e rispettosi dell’ambiente.

Le miscele HFO

Miscele a base di HFO con basso potenziale di riscaldamento globale (GWP).

Fluidi Refrigeranti HFC

Nella famiglia degli HFC (IdroFluoroCarburi) sono presenti alcuni refrigeranti a moderato effetto serra che sarà possibile utilizzare nei prossimi anni, in accordo con la Normativa Europea F-Gas 517/2014.

Gas Refrigeranti non fluorurati

L’utilizzo di idrocarburi come gas refrigeranti negli ultimi anni ha avuto un certo sviluppo, per la tendenza sulla spinta del Protocollo di Kyoto, ad utilizzare fluidi ad effetto serra ridotto o nullo.

altri prodotti

Fluidi per lo scambio termico

I fluidi di trasferimento calore sono utilizzati nei grandi impianti di refrigerazione, quando si vuole ridurre la quantità di gas refrigerante da utilizzare nell’impianto, o quando si utilizzano gas potenzialmente pericolosi (Ammoniaca, Idrocarburi, ecc.) ed è necessario, per motivi di sicurezza, mantenere il circuito contenente il gas refrigerante lontano dalle aree aperte al pubblico.

Lubrificanti sintetici

I prodotti CrioLube™ migliorano la pulizia dei condensatori e degli evaporatori, grazie alla loro stabilità ad elevate temperature e all’assenza di componenti paraffiniche, consentendo economie sui costi di fermo macchina e manutenzione.

servizi

Recupero, smaltimento e rigenerazione

La lunga e consolidata esperienza nel settore della refrigerazione non abbraccia solamente la commercializzazione di nuovi prodotti e lo sviluppo di nuove tecnologie, ma anche la conoscenza e le competenze necessarie per un corretto e responsabile utilizzo dei gas refrigeranti. I fluidi refrigeranti sono un rifiuto speciale pericoloso (CER 140601) e pertanto è assolutamente vietato disperdere tali gas in ambiente. Per questo motivo i refrigeranti devono essere recuperati secondo norma di legge per poi essere smaltiti o rigenerati da aziende specializzate.

Servizio "Refresh"

Per il recupero del gas refrigerante dagli impianti durante gli interventi di manutenzione e per la loro successiva ricarica, Rivoira Refrigerants mette a disposizione dei propri clienti dei contenitori “Refresh” (bombole da 40 litri e fusti da 800/920 litri) che devono essere restituiti vuoti.

Servizio "EcoStar"

Con questo pacchetto, Rivoira offre al cliente assistenza completa per il recupero e il trattamento dei gas refrigeranti:

  • analisi chimiche preliminari del rifiuto per la valutazione delle caratteristiche e del grado di inquinamento;
  • messa a disposizione di contenitori per il recupero (Recovery Cold);
  • ritiro dei contenitori con mezzi autorizzati al trasporto di rifiuti;
  • analisi di controllo del gas recuperato.

A seconda della tipologia di refrigerante e del suo grado di inquinamento, Rivoira seguirà una delle due opzioni nel rispetto della normativa vigente:

  • conferimento al centro autorizzato per il trattamento di rigenerazione;
  • invio allo smaltimento definitivo se il prodotto non è rigenerabile.

Servizio "Easy EcoStar"

Questo pacchetto offre un servizio di assistenza completa per il recupero e il trattamento di piccole quantità di gas refrigeranti.

  • Con la sottoscrizione di un semplice contratto presso i nostri rivenditori o agenzie, saranno forniti: i contenitori idonei, le etichette a norma e le schede di caratterizzazione del rifiuto. Il recupero può avvenire anche con contenitori di proprietà in regola con i controlli di legge.
  • Il ritiro verrà effettuato presso la sede del manutentore o del produttore del rifiuto, fino ad un massimo di tre contenitori da 40 litri cad. (a seconda de contratto stipulato) e con scadenza trimestrale.
  • Al ricevimento del rifiuto sarà effettuata un’analisi di controllo per stabilire se il prodotto è idoneo al conferimento presso un centro autorizzato per il trattamento di rigenerazione o se deve essere inviato allo smaltimento definitivo.

RECIPIENTI

Recipienti per Gas Refrigeranti

Utilizziamo recipienti in regola con le più recenti normative di legge e costantemente controllati per operare in sicurezza; ogni tipologia di bombole è in possesso dei requisiti necessari per la circolazione sul territorio nazionale. 
La loro rintracciabilità è assicurata da un’etichettatura univoca. La modalità di gestione è semplice e trasparente, il prezzo riservato al cliente include i costi di noleggio, trasporto e manipolazione merci pericolose. Il noleggio dà diritto a trattenere il recipiente per una durata massima di 270 giorni dalla data di consegna (90 giorni per i fusti), trascorsi i quali verrà applicata una tariffa a copertura della ritardata resa del bene.


Caratteristiche

  • Costruzione in conformità con la Normativa Europea T-PED.
  • Punzonatura con data di collaudo, pressione massima di esercizio e gas contenuto.
  • Colorazione secondo Norma UNI EN 1089-3.
  • Etichettatura di legge per l’individuazione del gas e dei rischi collegati.
  • Valvola di sicurezza contro la sovrappressione.
  • Dispositivo di non ritorno a garanzia della qualità del gas.
  • Valvola con doppio rubinetto sulle bombole di maggiore capacità, per agevolare la carica degli impianti in fase liquida per le miscele.

Tipologie di recipienti

  • Bombole FreeCold Nano di capacità 1 e 2 litri; le dimensioni ridotte, sicurezza e facilità di utilizzo ne fanno un insostituibile strumento di lavoro per il frigorista.
  • Bombole FreeCold MAC di capacità 12,5 litri; appositamente progettate per le autofficine che effettuano la ricarica dei climatizzatori.
  • Bombole FreeCold Boxy di capacità 7 - 12,5 e 27,2 litri; contenute in scatole di cartone, possono essere agevolmente trasportate e immagazzinate, ideali per spedizioni all’estero.
  • Bombole LightCold di capacità 21,6 litri; innovativo recipiente estremamente leggero, ergonomico e di facile trasportabilità e immagazzinamento.
  • Bombole a noleggio di capacità 12,5 e 40 litri.
  • Bomboloni (Roll Drums) a noleggio di capacità da 800 a 950 litri.